24.4.14

Napolitano e Cossiga ieri sera a Otto e mezzo dalla Gruber (la macchina del tempo)


Due giovani parlamentari ieri sera ospiti di Lilli Gruber in TV: Giorgio Napolitano, 35 anni e Francesco Cossiga, 33 anni. (Correva l'anno 1961)


19.4.14

Arsenale di Pavia. Un dibattito da mantenere caldo

La sera del 16 aprile al collegio Valla si è tenuto un incontro organizzato dall'Arsenale Creativo (chi è di Pavia sa di che si parla).
Il fatto che un gruppo di giovani si impegni per la salvaguardia di una vasta zona centrale di Pavia adiacente al Ticino dove sorgeva, su un'area di 150mila metri quadrati, lo Stabilimento del Genio militare sembra degno d'attenzione nel plumbeo grigiore della politica pavese.
La sorpresa positiva è stata una folta partecipazione di pubblico (raccogliere centocinquanta-duecento persone in questa città per un appuntamento di tal fatta è un successo).
La sorpresa negativa è stata la passerella dei candidati sindaci intenzionati a sfrattare dal Mezzabarba il sindaco Cattaneo - che da parte sua si è ben guardato dal presenziare ad una assemblea dove sapeva a priori di non poter raccogliere voti.
Hanno detto tutti, assessore in carica Galandra compreso, ma non in rappresentanza del sindaco, quello che il pubblico voleva sentirsi dire. L'area (fluviale e soggetta a limiti) deve restare alle Amministrazioni locali e a disposizione dei cittadini. Qualsiasi cosa venga fatta avrà un carattere di pubblica utilità. Con alcuni immediati distinguo però. Beh! Qualche abitazione privata può pure starci. Se no dove si prendono i soldi?
Ottimisticamente qualcuno ha ricordato che in giro c'è una massa di denaro liquido a costo praticamente zero (penso si riferisse a tutta la cartastraccia messa in circolazione soprattutto da Stati Uniti e Giappone, che ha arricchito solo pochissimi privilegiati, e agli euro regalati alle banche).
Come questi soldi potrebbero arrivare all'Arsenale resta un mistero. Banche e privati con le tasche gonfie se investissero lo farebbero per trarne profitto. Il benessere della cittadinanza non è mai stato nei loro pensieri.
Comunque l'area al momento è ancora di proprietà demaniale e l'intenzione del ministero dell'Economia è venderla (non necessariamente al miglior offerente, ché si sa come lo Stato finisca sempre con il privilegiare i soliti noti quando si privatizza e si dismettono beni pubblici).
E in effetti l'Amministrazione comunale in carica si è portata avanti varando un piano regolatore che prevede in loco la costruzione di palazzi lungo il fiume per oltre 1700 abitanti.
Tra gli intervenuti c'è stato chi ha prospettato la possibilità di una "variante" al Pgt, chi invece ha tuonato che l'unica destinazione per il piano regolatore da poco approvato è il cesso e già si è fatto promotore di un ricorso per inammissibilità direttamente rivolto al capo dello Stato.
Sullo fondo i desiderata di questo e di quello: negli edifici ristrutturati dell'ex caserma collochiamo le scuole, il tribunale, la biblioteca, cinematografi e ristoranti, impianti sportivi e chi più ne ha ne metta.
Conti senza l'oste, considerando che tutto è in alto mare e tra gli aspiranti sindaci presenti le chance per detronizzare il telegenico sindaco uscente, il più amato d'Italia, come le ben note cucine, sono pochine.

16.4.14

Esilarante (il Blog di Beppe Grillo)

 link alla pagina
Pagina "fotografata" la sera del 14 aprile.
Si commenta da sé

Esilarante non sembrerà il termine giusto, magari il suo contrario, rattristante, sì.
Ma la pagina del Blog di Grillo - che non vedevo da un pezzo perché francamente inguardabile - è, se possibile, peggiorata ulteriormente.
Non solo è farsesca, ma "esilarante" nel senso che da alla testa, stordisce e ottunde, proprio come l'omonimo gas.
Non è questione di "cattivo gusto" né dell'ingiustificato rilievo offerto dai media alla brutta storpiatura della poesia di Primo Levi. Quello che più colpisce sono l'impaginatura, i titoli, le pubblicità. Una accozzaglia di strilli, incultura, beceraggine degni di Daily Mirror, Sun, Bild Zeitung o, in Italia, Libero, Giornale e un altro novanta per cento di stampa, TV, Blog e siti internet esistenti.

Ciò nonostante non penso che Grillo sia un "fascista" né che gli eletti del movimento cinque stelle siano tutti "idioti" (del resto ad essere "meglio" degli "altri" ci vuol poco).
Mi infastidisce chi continua ad attaccarli con la bava alla bocca come un cane rabbioso e perlopiù su argomenti secondari.
Molti tra gli eletti si danno un gran da fare e sono meritevoli di tutto il rispetto (penso ad esempio, in sede locale, alla Nanni, fino a prova contraria, encomiabile consigliere regionale lombardo).
Dirò di più: sottoscrivo molti assunti del M5s, specie per quanto riguarda la critica radicale ai comportamenti del ceto politico e alle scelte dei governi che si susseguono in questo disgraziato paese.
Se non riesco a condividerli non è neppure per una questione di "stile" o perché la mia formazione politica è anni luce lontana.
La ragione è di sostanza comunicativa, superficialità critica, inattitudine autocritica.
I cinquestelle parlano alla pancia delle persone, ne istigano i peggiori istinti, evocano scenari immaginari che potrebbero generare reali catastrofi, un po' come apprendisti stregoni privi delle necessarie conoscenze per controllare le magie provocate.
I limiti inaccettabili dei pentastellati stanno nelle carenze concettuali, nell'incerto orientamento ideologico, nella confusa concezione democratica di chi li guida (e dai quali non possono affrancarsi, pena lo sfascio).
Il fideismo incondizionato nei confronti dei "capi" e degli strumenti di consultazione della base da loro controllati - per quanto buone possano essere le intenzioni - è pericoloso.
I militanti finiscono con l'accettare e seguire le indicazioni degli esecutori materiali della propaganda, a prescindere da Grillo, come i bambini di Hamelin seguirono il pifferaio, senza sapere dove li avrebbe condotti.

Nota:
Ovviamente i link e le pubblicità all'indirizzo della pagina al quale è diretto il clic sull'immagine cambiano costantemente.
Particolarmente gustoso nella giornata in oggetto (il 15 aprile) quello che recitava: "La Terra di Mezzo di Tolkien è Realmente Esistita?"
Cliccandoci sopra si arriva a TzeTze sito sempre creato e gestito dalla Casaleggio Associti e di riferimento per il Blog di Grillo.
E lì pubblicità e notizie sono anche più strabilianti, tipo...

Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: L'Istituto TavistockMacrolibrarsi.it presenta il LIBRO: 400 Anni d'InganniMacrolibrarsi.it presenta il LIBRO: La Terapia Chelante



Carte degli Illuminati: Passato, Presente, Futuro

Viator

C'è chi scorge tra le sue figurine lo spettro di una cospirazione. Chi si dice convinto che contengainformazioni provenienti dal  futuro.

Per molti altri invece l'idea che il Gioco di Carte degli Illuminati possa nascondere gli indizi di un reale complotto in via di realizzazione è semplicemente risibile. A loro avviso nelle oltre 350 figurine che ne compongono l'ossatura sarebbe infatti raffigurato praticamente qualsiasi grande evento che possa accadere nella nostra epoca.

Diamo una occhiata al vecchio gioco ideato da Steve Jackson, e proviamo a farci una idea più chiara riguardo la leggenda che da oltre un decennio gli aleggia intorno. [...]

10.4.14

Viale del tramonto

Una scena ( e inizio film su YouTube)

Rivisto - ma è come se fosse una prima volta - Viale del tramonto (Sunset Boulevard) grande film diretto nel 1950 da Billy Wilder.
Joe Gillis, squattrinato soggettista di Hollywood, galleggia morto nella piscina di una decaduta grande stella del cinema muto. Questo non gli impedisce di raccontarci in un paradossale flashback le vicende che, nell'arco dei sei precedenti mesi, lo hanno portato a giacere pancia in giù nell'acqua della vasca.
Il racconto in prima persona ha, nella primissima parte, toni hard boiled che poi si stemperano.
Il film, cinico sguardo sul star system, è anche metafora sull'inconsistenza dell'essere.

4.4.14

Booknomination

"E poiché possedere delle qualità presuppone una certa soddisfazione di constatarle reali, è lecito prevedere come a uno cui manchi il senso della realtà anche nei confronti di se stesso possa un bel giorno capitare di scoprire in sé un uomo senza qualità."
L'uomo senza qualità, Robert Musil

28.3.14

Stipendi on line dei dirigenti del Comune e della Provincia di Pavia (post dell'11.08.2009 aggiornato)

Stipendi targati 2008 in un vecchio post (che riproduco) dell'11.08.09
I nuovi qui:
Comune
Provincia
Scarica questo file (situazione retributiva dirigenti 2013.pdf)situazione retributiva dirigenti 2013.pdf
Scarica questo file (Stipendi Dirigenti Ottobre 2012.pdf)Stipendi Dirigenti Ottobre 2012.pdf

Non so se faccia bene o male leggere questi dati. Considerando quanta disparità ci sia tra gli stipendi dirigenziali e quelli dei lavoratori, diciamo così, di base, fa più male che bene. Del resto anche nella categoria "dirigenti" ci sono divari che devono far rodere il fegato, non poco, a taluni. Fatto sta che sorge spontanea una domanda: tutti 'sti soldi queste persone se li meritano davvero? Forse si, forse no. A chi più sa l'ardua sentenza.
Una considerazione sulle Provincie. Non erano tutti d'accordo nel sopprimerle? Perché allora sono state aumentate? (Ed ora, marzo 2014, si finge di abolirle)

2008. Stipendi dei dirigenti comunali (dal sito www.comune.pv.it)
Daniela Diani, dirigente del settore Sviluppo, pianificazione, programmazione e controllo, gestione finanziaria, prende all'anno quasi 114.712 euro. Al secondo posto c'è Ivana Dello Iacono, che sfiora i 111 mila euro, e che dirige Istruzione, politiche giovanili, amministrazione del patrimonio. Dopo di lei Maria Susanna Zatti, settore Cultura, turismo e promozione della città, che ha uno stipendio lordo annuo di 105.808 euro. A seguire. Francesco Grecchi, Lavori pubblici e manutenzione e anche ambiente e territorio ad interi, con poco meno di 104mila euro. Luigi Tomaselli, Servizi civici, prende 103.485 euro. E Carla Galessi, settore socio assistenziale, poco più di 99mila euro. E poi Gianluca Giurato, Polizia locale, circa 93mila euro; il segretario generale Pietro Paolo Mileti, 86.630 euro. Michele Vaccina e Guido Corsato ex dirigenti che hanno fatto causa al Comune per mobbing, restano comunque formalmente dirigenti anche se non ne svolgono i compiti e rientrano nell'elenco. Prendono quasi 87mila euro Vaccina e quasi 76mila euro Corsato. Tornando all'ordine della classifica, al decimo posto c'è Felice Milani (Sistema bibliotecario) 89mi- la euro; poi Guido Corsato, Maria Assunta Cescon (Attività economiche) con quasi 75mila euro; Donato Scova, Servizi interni, poco più di 72mila euro e infine Gianfranco Longhetti, dirigente del settore Sport, il più "povero" tra i suoi colleghi, con 65.500 euro circa.
E la Provincia? Per leggere il file bisogna andare nella sezione «Operazione trasparenza », ultimo link del menù sulla sinistra (sito www.provincia.pv.it). I dirigenti sono 24. Ne riportiamo alcuni. Il direttore generale Carlo Sacchi prende 120mila euro lordi all'anno. Di cui 20mila sono di retribuzione di risultato. Il segretario generale invece prende di più. Girolama Gallippi ha uno stipendio di circa 138mila euro. Passiamo ai dirigenti. Per tutti la base è poco pià di 40mila euro. A cui si aggiungono incrementi per l'anzianità, la componente legata alla posizione e poi anche la retribuzione di risultato. Lo stipendio più alto è quello di Angelo Elefanti, settore Lavori pubblici, con 98mila euro lordi all'anno. Subito dopo c'è Roberto Braghieri 87.445 euro. Al terzo posto c'è Daniela Greguoldo, assunta a tempo determinato per il settore Economia-Finanza con 90.265 euro. Il file messo on line dalla Provincia propone un elenco già in ordine di retribuzione, da chi prende di più fino a chi prende di meno. Per il settore Beni e attività culturali Antonio Sacchi prende quasi 83mila euro e Maddalena Viola, Attività educative, politiche giovanili e sport, ne prende quasi 88mila. All'ultimo posto lo stipendio annuo si aggira attorno ai 56mila euro, così per PierAchille Lanfranchi, dirigente a progetto, ora in prestito, per sei mesi, al Comune di Milano. Di poco sopra di lui Massimo Ascagni, dirigente di seconda fascia del settore Ambiente, con circa 59mila euro lordi all'anno.
(dati tratti da La Provicia Pavese del 06.08.2009)

22.3.14

Razzismo al Riz di San Ginés

Non è il "Riz" di parigina memoria è solo un omonimo dignitoso 3 stelle a San Genesio ed Uniti, alle porte di Pavia. Non è neppure un'orda quella degli immigrati ospitati: sono sette.
Tanto è bastato però a scatenare le ire leghiste, segretario Salvini in testa.
L'immigrazione è un problema innegabile, in Italia e altrove. Ma a conti fatti gli immigrati, negli scorsi anni, sono stati una risorsa e hanno reso più di quanto siano costati. Non saranno qualche giorno di ospitalità in un alberghetto a mandarci in rovina.
Ma i leghisti di San Ginés mica s'incazzano, come sarebbe doveroso in un movimento "sano", per le porcate dei loro rappresentati nazionali e regionali (ne vengono fuori ogni giorno di nuove, da quello che si faceva rimborsare 300 chilometri di benzina al giorno pur abitando a Milano, al suocero che faceva pagare ai contribuenti lombardi diecimila euro al mese di... consulenze al genero - consistenti nella distribuzione di volantini -, all'altro che ha messo in nota spese un sontuoso banchetto di nozze.
Né vale a difesa che così facevano e fanno ancora tutti, o quasi, anche degli altri partiti.
I leghisti si spacciavano per i "moralizzatori", erano quelli che insorgevano contro il potere corrotto di "Roma ladrona", a favore dei poveri contribuenti tartassati.
I capoccia leghisti invece di prendersela con i tanti traditori dei loro stessi principi fanno il solito sfoggio di razzismo spicciolo istigando i militanti più beceri.
Nessuna meraviglia dunque se molti che in passato hanno creduto in buona fede a Bossi e soci, disgustati, finiranno col rivolgersi ai cinquestelle.
Figli della medesima incazzatura (sacrosanta!) anti-casta che spinge l'M5S verso il 25% di consensi, ma carenti di attitudine critica, inseguono qualsiasi pifferaio che gliele canti e gliele suoni.
E poiché i pifferai si moltiplicano e se non si chiamano Grillo o Berlusconi si chiamano Renzi, nessuna meraviglia se alla fine la grotta nella montagna verso la quale conducono i loro ignari cortei si richiuderà inesorabilmente sulle nostre superstiti speranze.


© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>