28.11.13

Reddito minimo, povertà assoluta. Perché Letta e "consorteria" continuano a prenderci per i fondelli?

strumenti di calcolo Istat della soglia di povertà assoluta
Troppi sciocchi titoli di giornali - sempre meno letti - parlano di "sperimentazione del reddito minimo" per l'introduzione di una fantomatica Sia [Sostegno per l'inclusione attiva (sic!)] nel maxiemendamento alla "legge di stabilità" approvata dal senato. Già nei sottotitoli si intuisce l'inganno "Col maxiemendamento prende il via la prima prova in Italia di un reddito di sostegno. Servono 7 miliardi, ma per ora verranno stanziati 120 milioni in tre anni [ndr: 40 all'anno!] per trovare il percorso migliore [???]. Andrà a integrare il reddito delle famiglie [???] al di sotto della soglia di povertà [???]" (Arriva il reddito minimo, al via la sperimentazione - La Repubblica)
Non si tratta di "reddito minimo" ovviamente perché questo - pur non piacendo neppure a certi "comunisti duri e puri" stranamente accomunati a individui come Raffaele Bonanni - è uno strumento di liberazione dalla disperazione dei singoli disoccupati, in attesa di un lavoro che non c'è. Si tratta di carità, una elemosina per pochissime famiglie, scelte non si sa con quali criteri.
Anche il riferimento al concetto di "povertà assoluta" è aleatorio. L'Istat calcolava nel 2012 la soglia di povertà come da immagine riprodotta e forniva anche uno strumento di "Calcolo della soglia di povertà assoluta" on-line . Per sollevare ad un livello dignitoso le sorti di tante persone ci vorrebbe meno della trentesima parte dei miliardi erogati dalla Bce a favore delle banche italiane (vedi Banche, banditi e welfare), e meno di quanto è costato abolire l'Imu per conservare l'abbraccio mortale del PD col disciolto Pdl, ma il governicchio dell'uomo del Colle non è in grado di fare alcunché.

27.11.13

La vendita delle copie cartacee e digitali dei quotidiani italiani

grafico interattivo (da humanhighway.it)

Già l'immagine si commenta da sé.
Anche se temo che i totali venduti dichiarati siano "gonfiati" (come "gonfiate" sono le copie dei libri dichiarate vendute dagli editori) la ricerca sembra accurata ed indica un trend preciso.



26.11.13

...e continuiamo a parlare di Berlusconi. BASTAAAA! Vogliamo proprio fargli vincere le prossime elezioni (complice la stupidità del PD - scusate ma non so più quale altra "analisi politica" fare)


Da FacciaLibro






22.11.13

Incazzature quotidiane: svendite di stato ed altre bazzecole

Via alle svendite di stato

Le passate privatizzazioni (regali agli amici degli amici con i conseguenti pessimi risultati) non hanno insegnato niente a Letta e C. (dove C non sta per compagni, ma per consorteria).
Vedi: La goccia di 12 miliardi sul debito (Roberto Romano, Il Manifesto)

Del resto cosa ci si può aspettare da un paese nel quale il TG3 (un tempo il meno peggio del servizio pubblico) accodandosi ai peana nel cinquantennale della morte di Kennedy commenta con una frase di questo tipo: "il primo presidente giovane, bello, romantico, della storia moderna" [sic!]

----------------------------------

Nota: Il capolavoro è quel "romantico". Risaputamente il suo staff gli procurava carne fresca nel letto tutte le notti. Nulla da ridire, beninteso, ma non propriamente "romantico". Un po' come per il "priapetto nazionale" insomma. Vuoi vedere che l'immondo Sallusti questa volta ci ha azzeccato più del solito?

19.11.13

Primarie PD: "bella" lotta tra due destre interne, senza esclusione di colpi (molto bassi!)



Primarie PD: bella lotta tra due destre interne, senza esclusione di colpi (molto bassi!)
Cuperlo, una specie di ectoplasma dalemiano, non è riuscito a materializzarsi nemmeno nell'atmosfera protetta dei "circoli". 
Renzi, che con la "sinistra" c'entra  come una salsiccia in un ristorante vegetariano, stravincerà nei gazebo (tutti già lo sapevano da un pezzo) e ascenderà alla "segreteria" di un partito che non c'è.
Quanti sono gli orfani di qualsiasi credibile alternativa che, anche se si tornasse a votare, porcellum o non porcellum, non troveranno più uno straccio di ragione per farlo?

17.11.13

Novità Piccola Biiblioteca Adolphi

ADOLPHI

rielaborazione da ildeboscio.com  


Forza Silvio che ce la puoi ancora fare!


Lieve coccolone del Silvio. Brunetta gli tiene affettuosamente una mano. Scazzata la pitonessa. Preoccupati Capezzone e Garparri. Gli toccherà mica di finire a cambiare pannoloni ad Antigua?

15.11.13

NON notizie-oggi

Dipendenti più ricchi degli imprenditori (Corriere)

Ocse: i dirigenti pubblici italiani i più pagati (Unità)

Ilva, audio choc di Vendola (Fatto Quotidiano)

Che gli imprenditori dichiarino al fisco meno dei loro dipendenti si sa da una vita, così come che i dirigenti pubblici (e i magistrati della consulta) guadagnino più soldi di tutti gli altri pari grado al mondo e altrettanto che si continuino ad elargire pensioni d'oro da capogiro (prima fra tutte quella di Giuliano Amato).
Lo scandalo è che non si percepisca alcun reale cambiamento della situazione, qualsiasi sia il governo, da Berlusconi a Letta, passando per Monti.
Che Vendola poi svolga il suo ruolo istituzionale chiamando quelli dell'Ilva non è uno "choc" semmai il tono che usa, così diverso da quello aulico sbandierato pubblicamente, dovrebbe mettere in guardia sulle ambiguità del personaggio. Ma dall'audio - montato in maniera ridicola con un sottofondo musicale da tregenda - non si evince per nulla che abbia riso sulle disgrazie di chi si è preso un tumore. Piuttosto non si capisce cosa ci sia da ridere vedendo quel video e per quale ragione abbia un atteggiamento tanto deferente nei confronti dei padroni Ilva.
Infine va bene che escano tutte queste telefonate (Cancellieri compresa) e i giornali pubblicandole fanno il loro mestiere di vendere più copie possibile, ma tanta collusione tra chi le telefonate registra (a fini giustamente inquisitivi, si suppone) e i giornalisti che ne vengono a conoscenza, desta comunque qualche sospetto.

In quanto ai meriti e demeriti di Vendola come "governatore" ne so poco perché l'informazione ci devia quotidianamente sul tifo da stadio per questo o per quello prescindendo dalla correttezza e verificabilità delle notizie. I giornali, morti che camminano, forse per sopravvivere ancora un po', imitano sempre più il peggior stile dei social network.
Il Fatto Quotidiano non fa eccezione.


8.11.13

Catene umane: Cuccia Ligresti Cancellieri (in Peluso) Craxi Berlusconi Cervetti Napolitano (miglioristi)

(fonte sole24ore)
 È sempre pericoloso inoltrarsi in parallelismi tra epoche differenti. È pur vero che la storia ciclicamente si ripete, ma sempre diversa. Eppure, come avevano rilevato a suo tempo Gramsci, Dossetti, Salvemini ed altri, in Italia l'arretratezza del capitalismo, della cultura e la tendenza a virare il parlamentarismo in trasformismo, perseverano.
Ci sono grandi questioni e piccoli eventi. Il caso Cancellieri-Ligresti, ad esempio.
Non so, magari sono io che ho qualcosa che non va, però non sopporto più Santoro e Renzi e Cacciari, e soprattutto Belpietro, ospite fisso di Servizio pubblico. Così mi occupo d'altro.
Qualche giorno fa, ascoltavo Radio Popolare, cosa sempre più rara .
Milano, un quarto di secolo fa. Rievocano lo scandalo delle aree d'oro, un giochino che avrebbe reso a Ligresti una valanga di denaro pubblico elargita dal comune. I redattori ricordano come la signora Peluso, ora ministro Cancellieri, allora viceprefetto della metropoli, facesse da sponda alla famiglia Ligresti, al centro della bufera, presenziando agli incontri con la stampa.
Siamo a metà anni ottanta: "Milano da bere". Non solo il Psi di Craxi gode di introiti straordinari. Anche nel Pci viaggiano tangenti fisse del 18,5% per i lavori della metropolitana e tutti sapevano. A restare con il cerino in mano, insieme a Tognoli, sindaco, è Cervetti, "migliorista" d.o.c. che guida le danze a Milano (referente centrale a Roma, Napolitano). I "miglioristi" editano una rivista "Il moderno", che non legge nessuno, ma che, con frequenza settimanale, elogia Berlusconi e Ligresti (creatura di Cuccia, il finanziere Mediobanca protettore del "salotto buono" italiano) i quali, quasi certamente senza averla mai letta neppure loro, non lesinano finanziamenti (far politica, si sa, costa, e mantenere le correnti anche).
Il passato passa e lascia poche tracce. Però le persone restano, sempre le stesse, a quanto sembra - almeno alcune.
Non mi permetto di pensare che la Peluso-Cancellieri sia peggio di altri. Non so quali siano i suoi meriti ministeriali, magari è meglio di altri che l'hanno preceduta. Men che meno intendo insinuare che Napolitano abbia goduto di tangenti. Rilevo semplicemente catene di potere, ad alto livello, delle quali i figli godono, inevitabilmente, l'eredità.

5.11.13

Banche, banditi e welfare

A ottobre erano 235 i miliardi erogati della BCE alle banche italiane. Dovevano girarli alle imprese e alle famiglie, ma se li sono tenuti. Banditi! (Proprio nel senso che fanno parte di una "banda", quantunque di criminalità legalizzata)
La spesa per un reddito minimo garantito intorno ai 500 euro mensili in maniera selettiva potrebbe essere, a detta di economisti "bocconiani", nell'ordine di 8-10 miliardi all'anno. (In Italia prove tecniche di reddito minimo, in Ger...)
In Germania, dove già esiste l'Hartz IV (sussidio di disoccupazione a chi non trova lavoro)* e l’Arbeitslosengeld II (una sorta di salario combinato di sostegno al reddito dei lavoratori)la Merkel per avviare la Grosse Koalition ha concordato sulla richiesta dell'SPD che vuole un salario minimo di 8,5 € l'ora.
Noi invece affoghiamo nel governo delle larghe beghe.

--------------------------------------------------------
* Welfare, non elemosina. Dopo un anno senza lavoro scatta Hartz IV. Il welfare tedesco prevede per un single un importo pari a 374 € mensili a cui vanno aggiunti circa 300 € per l'affitto (questo importo varia nei diversi Länder); una famiglia invece percepisce un contributo di 337 € per ogni adulto, 219 € per ogni bambino e 550 € per l'affitto.



1.11.13

Chissenefrega della polemica voto palese voto segreto



Concordo, in linea di principio, con quanto scrive Cappellini sul messaggero Decadenza Berlusconi e voto palese, i tre errori d..., ma mi insospettisce che tutti questi buoni e nobili argomenti vengano sostenuti da chi vuole mantenere in piedi questo indecente governicchio Letta, tipo Cappellini, Polito e compagnia briscola.
Riscoprono in questo frangente la necessità di ridare dignità a parlamentari che non ne hanno nessuna vuoi per il modo nel quale sono stati eletti vuoi per l'incapacità ad esercitare le loro funzioni a viso aperto - però bravissimi nello sport di franchi-tiratori (già dimenticata la carica dei 101?)
E poi tutta la vicenda Berlusconi-decadenza è oscenamente assurda e il riempirne ancora una volta notiziari e pagine dei giornali da il senso dello squallore italico.
Del resto il fatto stesso che Cappellini scriva "in ballo non c’è la valutazione sulla vicenda giudiziaria di Berlusconi, definita da una sentenza definitiva, né sulla sua decadenza, prevista da una legge dello Stato che stabilisce con chiarezza l’incompatibilità tra la condanna subita dall’ex premier e la sua permanenza sullo scranno di Palazzo Madama" indica la follia della situazione. Tutta questa manfrina infinita della Giunta per le elezioni del Senato non ha alcuna ragion d'essere. Uno è condannato in via definitiva per reati comuni? Fuori e chiuso.
Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>