22.5.12

Ma la Rete è politica allo stato puro?



Premetto la mia personale soddisfazione per il risultato del Movimento 5 stelle e mi permetto un consiglio spassionato ai dirigenti del PD se aspiranti a più consistenti "vittorie": copiare il programma (per altro assai minimale) dei "grillini" e sbandierarlo ai quattro venti anziché pecoreggiare fingendosi leoni... [ndr: scettico non simpatizzante per Grillo che vede però di buon occhio gli "sgobboni" del Movimento 5 stelle - sperando di non restarne deluso a breve].

Ciò scritto sembra interessante ripescare un articolo di Micromega del settembre 2010, Grillo e il suo spin doctor: la Casaleggio Associati, non perché lo condivida appieno, ma per alcuni interessanti spunti sulla premiata ditta Casaleggio che sta dietro al successo in rete di Grillo (che smetterei di definire "comico" come si continua ostinatamente a fare).
Quello che penso di Beppe Grillo lo ho brevemente espresso nel post ...e Grillo ha fatto BOOM!.

Con l'intuito che lo contraddistingue Beppe Grillo, quando ha deciso di cimentarsi in rete, ha scelto chi più poteva essere congeniale al suo successo. Ancora una volta ha visto giusto puntando su Casaleggio, fregandosene dei "retroscena" non edificanti del personaggio. Altri più intellettualmente e politicamente qualificati interlocutori - che l'avrebbero volentieri appoggiato - probabilmente non sarebbero stati altrettanto efficaci. Grillo non è un ideologo, è uno straordinario "animale da palcoscenico" col pallino della "politica" (intesa nel senso più ampio possibile). Lascia ad altri le rogne dell'organizzazione e del lavoro quotidiano "sul campo".
Il fenomeno non è lui, sulla breccia da decine di anni, ma il "grillismo" sfociato nel "Movimeto 5 stelle" di cui lui è bandiera e, a modo suo, "guru", ma non "leader" inteso in senso politico. Anche per questo non c'entra niente, checché se ne dica, né con Berlusconi e i suoi partiti di plastica, né con Bossi e la Lega.

Ma, volenti o nolenti, dietro al fenomeno "politico" stanno sì i "grillini" che si sono aggregati nei Meetup, ma anche l'organizzazione individual-aziendalista e l'ideologia della "non ideologia" della Casaleggio Associati, dove le decisioni sull'immediato si prendono non certo assemblearmente. Però, in compenso, la visione del futuro è un collettivismo mistico-tecnologico venato di catastrofismo fantascientifico a lieto fine (per pochi). Gaia, il futuro della politica che sulla Home page casaleggio.it sintetizza "La nostra visione del futuro della politica descritto attraverso un video" è abbastanza agghiacciante.

"La Rete è politica allo stato puro", sostiene Gianroberto Casaleggio. E sarà pur vero, ma a resuscitare le speranze dei cittadini di Parma è stato un bancario (non un "banchiere"!) che scrive: “Fin da piccolo ho sempre voluto cambiare il mondo, finalmente ho capito da dove iniziare. Proprio da qui, tutti insieme, per combattere il consumo del territorio e lo sfruttamento delle risorse naturali” e nell’estate del 2011 con il gruppo MDF Parma (Movimento per la Decrescita Felice) vanta di aver dato vita ad un orto sinergico. Una visione del mondo più prossima alla costruzione tenace di un "futuro sostenibile" compatibile con i limiti planetari che a una democrazia virtuale post-atomica all'ombra di Google.
Insomma: grande è la confusione sotto le cinque stelle. L'augurio è che qualcosa di buono e duraturo ne venga fuori.




Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>