1.2.14

Fascismo in salsa rosa con contorno verde-azzurro

C'zzo in me deve esserci qualcosa che non va.
Quando tutti li osannavano perché rappresentavano il "nuovo" io criticavo Grillo, Casaleggio e i "grillini". Ora che tutti danno loro addosso io continuo a criticarli, beninteso, ma li difendo.
Tra di loro ci sono degli imbecilli, certamente, ma abbondano anche negli altri partiti e se ne ha sentore appena aprono bocca.
Il cinquestelle che ha dato delle pompinare alle parlamentari PD, non va censurato, va buttato fuori dal movimento. Sbagliato affermare come ha fatto il pentastellato Di Battista "se uno, sbaglia, sbaglia tutto il movimento". Uno vale uno o no? Ciascuno deve assumersi la responsabilità di quanto dice e fa. Anche quell'altro che ha dato del "boia" a Napolitano va sanzionato, perché nessuno deve sentirsi autorizzato ad insultare a ruota libera chicchessia in un'aula parlamentare.
E questo vale  anche qualora Napolitano meritasse l'impeachment per le sue azioni.
Purtroppo i leghisti - che, in quanto fiancheggiatori di Berlusconi, verranno salvati ad hoc dal rischio di sparire per gli sbarramenti della prossima legge elettorale - hanno fatto scuola al proposito.
Quello poi del "boia chi molla" è solo un ignorante o un simpatizzante dell'estrema destra alla quale l'espressione è cara.
Invece lo spreco del termine "fascismo" per le manifestazioni di opposizione dei Cinquestelle, che anche Augias ha usato senza contraddittorio dalle "autorevole" tribuna gossip della Bignardi, mi sembra risibile.
Possibile che ad ogni pisciata si debba tirare in ballo il fascismo?
Residui di mentalità  nazifascista sono sicuramente presenti nella nostra come in altre società e questo è tragico. Ma a generare gli autoritarismi, qualsiasi sia il loro nome, è un modo di pensare, di comportarsi, di rapportarsi agli altri, di trattare le minoranze, gli emarginati, gli indifesi, i "diversi".
È un porre sé stessi, e il gruppo di appartenenza al di sopra di ogni altro valore, chiudendosi nel proprio particolare ed usando la violenza vigliacca del branco su chi vi si oppone.
È il disprezzo totale dei diritti e della dignità personale e l'esaltazione della forza bruta e del "coraggio" di esercitarla nelle forme più efferate.
È l'affermazione politica e sociale della disuguaglianza, senza alcun contratto sociale che regoli il rapporto degli individui tra loro e nei confronti dello Stato.
Si concreta nella realizzazione di un mondo dove una esigua minoranza possiede un potere economico e politico assoluto mentre i più subiscono impotenti i soprusi di chi li domina.
Ecco, in questa prospettiva vedo ben maggiori pericoli nelle alleanze ad escludendum che si vanno consolidando tra il giubilo generale, nel pensiero unico economico senza il controllo di una dinamica politica democraticamente espressa, nel concentrarsi della ricchezza in ambiti sempre più ristretti con il rapido depauperamento dei ceti sociali intermedi.
Altroché quattro "grillini" che saltano sui banchi del governo! L'imputazione, ben peggiore, che si può loro fare è quella dell'incapacità politica dimostrata fino ad ora.
Hanno detto cazzate, fatto "indegna gazzarra" che tanto scandalizza, ma non li ho visti alzare le mani su nessuno. A questo ci ha pensato il magistrato Dambruoso "civico" rappresentante dell'elegante partito dei loden.
--------------------------
Vedi anche auto commento


1 commento:

utente ha detto...

Credo che chiunque abbia rispetto per la dignità umana, indipendentemente dal soggetto in causa, debba delle scuse a Laura Boldrini, non in quanto Presidente della Camera, ma in quanto "persona".
Nella fogna della politica italiana "fa buono tutto", un po' come quando si giocava a calcio all'oratorio e scendeva in campo il parroco e tutti, al grido di "W il parroco" ci si scagliava contro alle sue caviglie.
Purtroppo il detto "la madre dei cretini è sempre incinta" è trasversalmente valido per qualsiasi formazione politica e Grillo, al pari di Calderoli, Salvini, Borghezio, La Russa e tanti altri, non fa certo sfoggio di intelligenza quando scatena gli istinti volgari della Suburra.
Si adegua al gioco squallido di tutti, compreso quello dei sepolcri imbiancati che oggi lo lapidano.
Tentare di sostituire i voti puliti di chi sperava in un cambiamento con l'arrivo in Parlamento del Movimento Cinque Stelle, ed è rimasto profondamente deluso, con quello dei frustrati cronici non so se sia un affare.

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>