11.9.15

11 settembre... (quello cileno più tragico di quello americano)

l'Unità dei tempi che, pur non essendo un granché, non era la ciofeca renziana di oggi
11 settembre 2001. New York. Attentato alle Torri gemelle. Circa tremila vittime.
Quelli nati allora ora compiono 14 anni. Probabilmante molti non sanno neppure cosa sia accaduto in quel giorno.
11 settembre 1973. Colpo di stato in Cile. Allende, presidente socialista democraticamente eletto, viene ucciso dalle forze armate guidate da Augusto Pinochet.
Le ultime parole di Salvador Allende, gridate attraverso Radio Magallanes: "Viva il Cile!, Viva il popolo!, Viva i lavoratori!".
Oltre diecimila cileni verranno torturati e uccisi. Centinaia di migliaia costretti all'esilio.
I nati allora sono ormai quarantaduenni. Pochi conosceranno quei fatti.
Henry Kissinger, segretario di stato americano, si congratulò pubblicamente con l'assassino torturatore Pinochet per aver fatto "un buon lavoro". Kissinger, oggi ultra novantenne, prese il premio Nobel per la pace in quel medesimo 1973 [sic!]
Così va il mondo.
La storia macina tutto.




 

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>