28.3.08

Nuova sentenza per Mumia.

Yu Liang, cartoonist cinese

Non sempre le buone notizie sono buone come i titoli dei giornali fanno credere.

Non è morte ma è una pessima sentenza
di Silvia Baraldini
Oggi, a Philadelphia, il Terzo distretto della Corte d'Appello ha finalmente emesso la sua sentenza sul caso di Mumia Abu Jamal. Quella che a una prima lettura poteva sembrare una decisione positiva si rivela invece molto preoccupante. Il collegio composto da tre giudici ha deciso due a uno: il giudice Thomas Ambro ha espresso il suo dissenso condannando la composizione della giuria originale, tutti bianchi. Prima di tutto la Corte ha confermato la condanna di Mumia per l'uccisione del poliziotto Daniel Faulkner, ignorando tutti gli argomenti presentati dalla difesa su come si è svolto il processo originale: dalla posizione del giudice Sabo alle mancate testimonianze delle persone presenti al momento della sparatoria, dalla falsa confessione di Mumia alle prove balistiche contraddittorie. Nel riaffermare la condanna di Mumia, la Corte non ha considerato nessuno di questi argomenti e ha negato la possibilità di un nuovo processo.Quello che la Corte ha deciso, dando ragione al giudice federale Young, la cui sentenza risale al 2001, è che l'udienza prevista per tutti i casi in cui sia applicabile la pena di morte è stata viziata dalle istruzioni del procuratore alla giuria.
liberazione.it

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>