14.2.12

Lavorare come le bestie e fare la fine del topo

"Possibile che alla povera gente tocca lavorare come le bestie e fare la fine del topo"
Così un ex operaio Eternit di Casale Monferrato.
Oggi una sentenza diversa, controcorrente.
Il tribunale di Torino certifica il "dolo". I dirigenti sapevano fin dagli anni sessanta quale fosse la nocività dell'amianto, ma la logica del profittio è sempre stata più importante della salute dei lavoratori.

La condanna a 16 anni in primo grado per De Cartier e Schmidheiny e i risarcimenti per i 3000 morti e ammalati non ridanno vita e salute a chi "ha fatto la fine del topo", ma segnano una piccola conquista di civiltà per coloro che si sono battuti per moltissimi anni affinché i loro diritti fossero riconosciuti.

Alla Fibronit di Broni, vicino a Pavia, si è continuato a lavorare l'amianto fino al 1994 e il mesotelioma ha colpito duramente.
Chiusa la produzione la bonifica territoriale è ancora in alto mare.
Nel 2010 Gianluigi Vecchi di Legambiente diceva: «Attualmente i casi di morte sono quasi 700 e ancora attendiamo il picco, che è previsto tra il 2015 e il 2020, ma il processo di bonifica, il cui costo è stato stimato in circa 30milioni di euro, è appena agli inizi»
Chissà che la sentenza di Torino non rimetta in movimento anche la vicenda di Broni.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>