16.6.06

Soldi, Soldi, Soldi

Pecola...tanti soldi
Beati siano i soldi
I beneamati soldi perché
Chi ha tanti soldi vive come un pascià

...

45 miliardi entro il 2007 (repubblica.it). Se è vero tanti sono i soldi che Padoa Schioppa dovrà spremere dalle italiche tasche. Un casino, anche se meno del patrimonio personale di Bill Gates e intorno al fatturato annuo della sua Microsoft.
Come ogni altra cosa di questo "sinistro" governo tutto è ancora nel vago, benché si sapesse fin da prima delle elezioni che i cinque anni di cavalierato ci sarebbero costati "lacrime e sangue". Complimenti all'italiano su due che non l'aveva capito o s'illudeva ancora in qualche miracolo dell'unto. Miracoli non ne faranno neppure questi di governanti, ciò è sicuro, però almeno ci cavino 'sto dente un po' veloci invece di farci venire la pecola ("la pel dal cü c’la sa dascola", come recitano dalle nostre parti - anche se Wikipedia ne da tutta un'altra spiega...)
Il problema è che, anche a volerli spennare, i I Paperoni de' Paperoni in Italia sono una minoranza. I poveri, invece, tantissimi. Soltanto 49.645 contribuenti dichiarano più di 200 mila euro annui e ben 10 milioni giurano di vivere con meno di 500 euro al mese. Quasi 2 milioni e mezzo, poi, denunciano redditi inferiori ai mille euro l´anno. Un popolo di miserabili! I dati provengono da un articolo che Kataweb ha ripreso da La Repubblica il 14 maggio scorso e passato "stranamente" inosservato (articoliscelti).
Delle due l'una: o le cose stanno così, e allora non si capisce dove si trovino i soldi per prime e seconde case, auto nuove e vacanze a prezzi assurdi, oppure no e allora a non pagare le tasse sono davvero un esercito. Dunque aprire la caccia agli evasori sarebbe una strada giusta benché, a parte le dichiarazioni di principio, non se ne sia mai fatto niente. Che non si possa farci niente davvero? Fatto sta che i salassati sono sempre gli stessi i lavoratori dipendenti, quelli con redditi tra 12 e 25 mila euro che non possono sfuggire al fisco.
Per far cassa si vogliono ridurre gli "sprechi". Da sempre lodevole intenzione anche questa, professata da qualsiasi governo in carica e mai attuata. Perché non cominciare dai 700 milioni di euro pubblici elargiti a giornali che nessuno legge? A La 7 qualche sera fa era invitato il nuovo direttore del Riformista. Il conduttore televisivo gli ha chiesto: "Dove va il Nuovo Riformista?" La giusta risposta sarebbe stata "Al macero." Vale anche per tutti gli altri, ovviamente.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>