15.10.12

Orecchiette di grano arso, asparagi e pomodorini

Arrivi a casa e vuoi farti un veloce piatto unico di pasta e verdure?
Vediamo in dispensa. Ci sono rimaste delle orecchiette di grano arso. Hanno un colore scuro, di per sé poco invitante, ma un buon sapore, un po' particolare. Sono un composto di semola di grano duro, acqua, farina di grano tostato al 25%.
Ne prendo i soliti 80 grammi per un piatto da singolo.
Vediamo in frigorifero. A suo tempo ho surgelato una grande confezione di asparagi freschi e ce ne sono ancora. Ne prendo quattro o cinque. Ci sono anche piccoli pomodorini. Ne prendo sette o otto (sono poco più grandi di una biglia). Prendo anche mezzo scalogno e una punta di peperoncino rosso.
Procedura.
Mentre le orecchiette cuociono in abbondante acqua salata affettare sottilmente lo scalogno e farlo appassire in una piccola padella con poco olio extravergine di oliva. Aggiungere il peperoncino spezzettato, gli asparagi tagliati in piccoli pezzi, ed infine i pomodorini spellati e aperti in quattro parti. Salare. Quando le orecchiette sono pronte, ma al dente, metterle nella padella insieme al sugo aggiungendo, all'occorrenza, un po' d'acqua di cottura. Rigirare e impiattare.
Completare con ricotta salata grattugiata.
È ovvio che le orecchiette di grano arso possono essere sostituite da qualsiasi altro formato di pasta e la ricotta salata non è indispensabile, ma così il piatto è particolarmente gustoso.


Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>