18.1.12

Di traverso. Vadabordocazzo!



De Falco eroe Schettino fellone.
La telefonata tra i due, che ormai tutti conoscono, ha fatto il giro del mondo, sancendo i ruoli.
L'opinione pubblica, fomentata dai consueti forcaioli di Libero e Giornale, s'indigna per gli arresti domiciliari al comandante della Concordia.

Comprensibilmente, nel sentire questa comunicazione tra i due uomini di mare, vien voglia di mandare in galera Schettino e gettare la chiave. Un giudice però non può - e non dovrebbe mai - cedere all'emotività o alla pressione di chicchessia.


Grasso, sul Corriere (Grazie capitano), esalta il capitano De Falco e condanna senza remore l'altro, proprio come esempio di marineria degradata. Per qualche ragione sente anche il bisogno di giustificare le "parolacce" del suo "eroe". Non sia mai che qualcuno (la Chiesa?) s'infastidisca per quel cazzo! e, peggio, cristo! pronunciati dal De Falco.
Grasso sembra spesso un nostalgico della Tv del tempo che fu con le sue censure non solo linguistiche e del resto quello è il suo brado di cultura. Personalmente vedevo il meno possile quella tv e vedo il meno possibile l'attuale. Ora come allora poche sono le trasmissioni con un accettabile tasso di idiozia.

Comunque, tv a parte, in filigrana di migliaia di interventi sulla carta stampata e sul Web sembra esserci una idea romanticamente letteraria della marineria. Il capitano non abbandona mai la nave.
Ma Conrad e il suo Lord Jim - il marinaio che fugge dalla nave in pericolo insieme al resto dell'equipaggio lasciando i passeggeri al loro destino - hanno ben poco a che vedere con quanto accaduto sulla costa del Giglio.

Tutt'al più come per Jim anche per Schettino il rimorso potrebbe essere la punizione che lo accompagna oscuramente fino alla morte (cercata e trovata nel caso di Lord Jim).
Realisticamente però ho il sospetto che dietro alle non decisioni di Schettino ci sia anche l'interesse della compagnia di navigazione a minimizzare quanto stava accadendo nella speranza che tutto si risolvesse per il meglio. Così, quando la situazione è precipitata, il capitano si e trovato nel panico con il cerino accaso in mano.

Insomma, come già anche nei romanzi di Conrad, gli armatori contano eccome, forse più dei capitani, specie su una nave mastodontica dietro la quale stanno interessi enormi.
È il capitalismo bellezza! Tutto il resto è retorica.
...

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>