8.11.13

Catene umane: Cuccia Ligresti Cancellieri (in Peluso) Craxi Berlusconi Cervetti Napolitano (miglioristi)

(fonte sole24ore)
 È sempre pericoloso inoltrarsi in parallelismi tra epoche differenti. È pur vero che la storia ciclicamente si ripete, ma sempre diversa. Eppure, come avevano rilevato a suo tempo Gramsci, Dossetti, Salvemini ed altri, in Italia l'arretratezza del capitalismo, della cultura e la tendenza a virare il parlamentarismo in trasformismo, perseverano.
Ci sono grandi questioni e piccoli eventi. Il caso Cancellieri-Ligresti, ad esempio.
Non so, magari sono io che ho qualcosa che non va, però non sopporto più Santoro e Renzi e Cacciari, e soprattutto Belpietro, ospite fisso di Servizio pubblico. Così mi occupo d'altro.
Qualche giorno fa, ascoltavo Radio Popolare, cosa sempre più rara .
Milano, un quarto di secolo fa. Rievocano lo scandalo delle aree d'oro, un giochino che avrebbe reso a Ligresti una valanga di denaro pubblico elargita dal comune. I redattori ricordano come la signora Peluso, ora ministro Cancellieri, allora viceprefetto della metropoli, facesse da sponda alla famiglia Ligresti, al centro della bufera, presenziando agli incontri con la stampa.
Siamo a metà anni ottanta: "Milano da bere". Non solo il Psi di Craxi gode di introiti straordinari. Anche nel Pci viaggiano tangenti fisse del 18,5% per i lavori della metropolitana e tutti sapevano. A restare con il cerino in mano, insieme a Tognoli, sindaco, è Cervetti, "migliorista" d.o.c. che guida le danze a Milano (referente centrale a Roma, Napolitano). I "miglioristi" editano una rivista "Il moderno", che non legge nessuno, ma che, con frequenza settimanale, elogia Berlusconi e Ligresti (creatura di Cuccia, il finanziere Mediobanca protettore del "salotto buono" italiano) i quali, quasi certamente senza averla mai letta neppure loro, non lesinano finanziamenti (far politica, si sa, costa, e mantenere le correnti anche).
Il passato passa e lascia poche tracce. Però le persone restano, sempre le stesse, a quanto sembra - almeno alcune.
Non mi permetto di pensare che la Peluso-Cancellieri sia peggio di altri. Non so quali siano i suoi meriti ministeriali, magari è meglio di altri che l'hanno preceduta. Men che meno intendo insinuare che Napolitano abbia goduto di tangenti. Rilevo semplicemente catene di potere, ad alto livello, delle quali i figli godono, inevitabilmente, l'eredità.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>