29.9.09

Regio decreto-legge 21 febbraio 1938, n. 246. Disciplina degli abbonamenti alle radioaudizioni

Il cosiddetto “Canone RAI” non esiste, ma è un balzello facente capo a un regio decreto del 1938 che inizia: "Chiunque detenga uno o più apparecchi atti od adattabili alla ricezione delle radioaudizioni è obbligato al pagamento del canone di abbonamento, giusta le norme di cui al presente decreto." ...
Così stanno le cose, a quanto mi risulta, e chi ha provato ad andarci contro si è rotto le corna. Ciò detto la dice lunga il fatto che nessuno abbia mai avuto la volontà politica di metterci le mani.
Tutto è cambiato da allora e mi chiedevo perché non debba essere possibile arrivare semplicemente ad una normativa per la quale si paghi in base alle trasmissioni che effettivamente si vedono (o, al più, alle reti alle quali si decide liberamente di abbonarsi).
Poi oggi ho letto su La Stampa il Buongiorno di Massimo Gramellini: Il canone spuntato, col quale concordo pienamente. Per cui ritengo inutile qualsiasi altro commento.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>