26.9.11

Stato di polizia e bavaglio ai Blog

"Stato di polizia!"
Inveisce il cavaliere attaccato alla poltrona di presidente del consiglio come una patélla ó scöggiu
Ci sarebbe solo da ridere detto dal capo di un governo che da interminabili anni sta lì a fare i suoi privatissimi interessi e porta allo sbaraglio questo disgraziato paese, fottendosene altamente della fine che faremo noi tutti.
Cosa sta meditando ora? Non già di levarsi dai piedi e ridare un minimo di credibilità alle istituzioni italiane - anche se probabilmente ormai il nostro destino è irrimediabilmente segnato (considerando anche gli individui destinati a sostituirlo).
Conta, l'ineffabile Silvio Bi - la cui resistibile ascesa poteva benissimo essere fermata se a contrastarla non fossero stati tipi del calibro di D'Alema e soci - di tornare alla carica delle intercettazioni e dei Blog. Di mettere insomma il bavaglio all'informazione riesumando il famigerato disegno di legge n. 1611 magari facendolo votare con un ennesimo voto di fiducia dalla sua prezzolata maggioranza e di fatto intimidendo (come in uno stato di polizia che si rispetti) la libera manifestazione del pensiero.
(Vedi Censurare Internet per salvare il premier, Guido Scorza, Il Fatto Quotidiano)

....

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>