21.4.13

La nascita di Roma e la morte del Parlamento

Narra la leggenda che il 21 aprile di 2766 anni fa fu fondata Roma.
Oggi, 21 aprile 2013 è defunto il Parlamento.
L'Italia è per definizione una Repubblica parlamentare. I cittadini eleggono i parlamentari che in autonomia dovrebbero rappresentare le istanze per le quali sono stati eletti.
Non c'è dubbio che nella scorsa tornata elettorale gli italiani si siano chiaramente espressi per un cambiamento radicale delle politiche governative. La maggioranza dei votanti ha manifestato la volontà di non poterne più della "casta" dominante negli ultimi decenni con tutte le sue porcherie.
Questo era il significato dei voti per il Movimento 5 Stelle, Sinistra Ecologia e Libertà ed altri che però non hanno raggiunto il quorum. Sembrava che lo stesso valesse per il PD, almeno stando alle dichiarazioni dei suoi leader. Soprattutto la base elettorale PD era convinta che questo fosse il significato del mandato.
In Parlamento queste tre forze politiche avevano i numeri per imprimere una svolta alla politica italiana. Non lo hanno fatto. Le responsabilità di una parte significativa del PD sono sotto gli occhi di tutti. Prima con la candidatura alla Presidenza della Repubblica di Marini, poi con la non convergenza sul nome di Rodotà che, considerando il curriculum del personaggio, avrebbe dovuto essere naturale, infine con l'audafé perpetrato sul nome di Prodi.
Le successive suppliche per un ritorno in carica di Napolitano sono l'inevitabile ciliegina sulla torta avvelenata che i collusi con le destre, interni al PD, hanno confezionato per Bersani.
I parlamentari che hanno rieletto Napolitano (suo malgrado), hanno risposto a logiche che tradiscono la volontà popolare.
Questo non è populismo. Quello che è successo non avrebbe dovuto succedere in una autentica Repubblica parlamentare.
Cornuti e mazziati, ancora una volta, sono risultati gli italiani.
Speriamo che se ne ricordino alle prossime elezioni.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>