1.3.06

Pestaggi videoripresi

fotogramma videovideo visibile, finché verrà mantenuto, su kataweb.it

A volte i telefonini servono a qualcosa. Questa volta documentano la sadica cultura della violenza di italici carabinieri su un marocchino in mutande. Non è la prima né, purtroppo, sarà l'ultima delle testimonianze d'odio gratuito che le così dette "forze dell'ordine" esprimono nei confronti di persone inermi (poco importa se colpevoli di qualcosa o innocenti). Sicuramente qualcuno troverà il modo di giustificare anche questa volta atteggiamenti che sono un insulto a qualsiasi regola di convivenza democratica. Del resto sui nostri telegiornali, prodighi di immagini "forti" il pestaggio ha avuto poco o nessun spazio. Forse democrazia e polizia sono termini inconciliabili, ma non tutti coloro che per mestiere dovrebbero garantire la sicurezza collettiva sono dei picchiatori capaci solo d'imporre l'autorità a suon di pugni e scarpate quando non con la tortura. Certamente c'è tra loro chi crede che per nessuna ragione la dignità umana debba essere calpestata. Quella delle sevizie era ed è la cultura tipica dei campi di concentramento. Tuttavia vengono addestrati a comportarsi così. Si vuole che il rapporto tra cittadini e chi è preposto a mantenere l'ordine sia di paura, non di fiducia. La smettano allora i politici di tessere gli elogi degli "eroici tutori dell'ordine". Sono pagati per fare quello che fanno e anche quello che non dovrebbero fare. Quando un uomo comune è in loro balia sappia che le sue garanzie civili sono sospese.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>