12.2.10

Manifesto e carta stampata


Qualche giorno fa il direttore del Guardian, Alan Rusbridger, ha spiegato così perché ha deciso che il suo giornale lascerà l'accesso gratuito ai contenuti online: Far pagare i contenuti online potrebbe essere una buona scelta "in termini economici" ma "sul piano editoriale" significherebbe ridurre i propri accessi e la propria influenza.
Altri la pensano in maniera opposta, Rupert Murdoch ad esempio.
A me sembra che l'urlo di dolore del Manifesto per quanto "politicamente" condivisibile sia di vecchio stampo. Neppure quelli del Manifesto sembrano capire a fondo le implicazioni del cambiamento epocale del modo di dare e ricevere informazione. La loro è sicuramente una informazione di qualità ed io sarei il primo a sentirne la mancanza, ma la carta stampata non ha futuro. Sopravviverà ancora a lungo magari, ma come un morto che cammina.
I prezzi d'abbonamento proposti (annuale 330 euro) sono inadeguati alle possibilità dei più e anche quelli on line (vedi sotto) sembrano eccessivi.
Non piangerò certo per l'estinzione di tanti inutili fogliacci - che purtroppo, invece, troveranno il modo di cavarsela anche se nessuno li legge -, però vorrei davvero che il manifesto trovasse la forza di rinnovarsi e sopravvivere, magari solo on line. Come sempre in Italia siamo alla retroguardia anche per quanto riguarda il Web, eppure i tempi stanno maturando.

ABBONAMENTI WEB EURO
ANNUALE € 130,00
TRIMESTRALE € 45,00
MENSILE € 20,00


ABBONAMENTI WEB + ARCHIVIO HTML DAL 2002 EURO
ANNUALE € 220,00
TRIMESTRALE € 70,00
MENSILE € 30,00

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>