9.1.11

Saint Moritz, D'Alema, Il Riformista e gli Angelucci

Massimo D'Alema, in un'intervista a Il Riformista, risponde all'accusa di Berlusconi di essere un "comunista in cachemire".
"La sciarpa che indossavo non era di cachemire, posso fargliela vedere. Il giaccone è un vecchio giaccone. Le scarpe le ho comprate da Decathlon, pagandole ventinove euro, possono testimoniarlo le tante persone che hanno fatto la fila con me. Ma il punto non è la campagna qualunquista. Questo attacco non è casuale. È il segnale che Berlusconi pensa alle elezioni. Ma dice anche molto sul nostro sistema di informazione"
"A Berlusconi, comunque, non è rimasta che la forza di imporre queste mascalzonate. Per il resto, è finito, ha trascinato il paese al disastro" conclude D'Alema.

Ne prendiamo atto e non stentiamo a crederci. Il Baffino ha sempre un po' avuto il braccino corto...
In quanto al fatto che Berlusconi sia "finito" ce lo auspichiamo da un pezzo, ma lui è sempre lì. Sicuramente il cavaliere "ha trascinato il paese al disastro", ma una bella mano per fare ciò l'ha ricevuta proprio da D'Alema e soci. I "patiti dell'informazione" lo sanno bene, gli altri non hanno mai saputo o dimenticano facilmente.
Comunque rilanciare la smentita dalemiana su Saint Moritz è doveroso anche perché appare su un giornale che pochi leggono e nessuno compra, voluto da D'Alema stesso, Il riformista appunto, appartenente alla famiglia Angelucci (i chiacchierati re delle cliniche che grazie alla privatizzazione della sanità pubblica incamerano 500 milioni di euro all'anno), la stessa che possiede anche la testata di Libero, giornale parimenti percettore di contributi pubblici.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>