3.4.06

Gioco finito

primissimo piano cchioConsiderazioni a margine di un infanticidio senza nulla togliere all’atrocità del fatto.

Alla fine i rapitori - e assassini - del bimbo erano solo “balordi”. Manco di elementi per la certezza, però non stento a crederlo.
I "mezzi d’informazione" hanno fatto anche stavolta il loro porco lavoro. Massacrato mediaticamente i genitori e creato pathos a badalucco, informando ben poco, ma con grande dispiego di strumenti.
Quando si tratta di delitti con bambini la retorica si spreca e subito c’è chi tira in ballo la pena di morte. Peggio: ho sentito un signore dichiarare in TV che sarebbe opportuno appendere i colpevoli in piazza, magari per i coglioni, e lasciarli all’ira popolare.
Mi hanno colpito le parole, nei giorni scorsi, di chi oggi è ritenuto il “mostro”. Condannava il rapitore con lo stesso sdegno e la stessa veemenza di tutti gli altri. Una sorta di condivisa omologazione verbale della quale i giornalisti “nazional-popolari” si fanno portavoce. C’era come uno sdoppiamento della personalità che definire “ipocrisia”, o semplice tentativo di salvarsi il culo, sembra riduttivo. Da un lato l’uomo della strada, indistinguibile dai suoi simili, dall’altro il massacratore d’infanti e, si è saputo ora, stupratore in attesa di condanna. Ancora una volta emerge una triste verità: i bambini e le donne sono le prime vittime dell’odio e della violenza e ciò ha solo in parte a che vedere con condizioni di degrado economico e culturale. Dunque non si dovrebbe tutte le volte mostrare tanta meraviglia per l’“efferato delitto”.
I cuccioli, si sa, suscitano forti sentimenti protettivi, ma in guerra, quando la situazione di pericolo per la specie è massima, si tende a distruggere il nemico anche nel suo futuro eliminandone la prole. Ci hanno detto che i nazisti giocavano al tiro al piattello con i neonati e, senza andar troppo lontano, solo qualche anno fa a pochi chilometri da noi, nell’ex Jugoslavia le atrocità non si contavano. Stupri e stragi di bambini sono terribili corollari della guerra e dell’odio razziale che ne è inevitabile portato. Quando le guerre terminano e chi le ha combattute torna a vestire abiti civili anche gli infanticidi e gli stupratori riprendono, impuniti, a mescolarsi con la “gente normale”. Magari qualcuno sa, ma tace. È la parte oscura della natura umana.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>