3.2.11

Egitto. La ricreazione è già finita. E il nostro sultano di Arcore conta palle a ruota libera sul Tg di Minzolini

Al Cairo scontri, morti e feriti. Le speranze di una transizione indolore a un regime meno oppressivo si infrangono dopo il ritorno televisivo di Hosni Mubarak, un rais che ha ancora carte da giocare.

Berlusconi risponde alle "dure" domande del Tg1 - vedi Gramellini su La Stampa Altre domande? - da padrone e senza pudore. «Le vecchie forze che hanno moltiplicato otto volte il debito pubblico, con i comunisti in primo piano, si stanno coalizzando e hanno in mente la stessa idea di sempre: tassare gli italiani e le famiglie e questa volta vogliono farlo con la patrimoniale, una tassazione degli immobili, che se avvenisse sarebbe un gigantesco esproprio. Ma noi non lo consentiremo»
A vedere "comunisti" dappertutto ormai è rimasto solo il vecchio cavaliere di Arcore che sproloquia indisturbato dalle sue molte Tv private e pubbliche. Sembra sempre più un don Chisciotte che vede giganti e maghi incantatori ovunque, ma del cavaliere della Mancia non ha certo la dignità e la dirittura morale.

Una buona risposta viene da Concita De Gregorio che ha ben poco di "comunista" nonostante diriga l'Unità - giornale che ormai di "comunista" ha ancor meno. Scrive:
"Ci sono i fatti, poi c’è la propaganda. I fatti. Il reddito delle famiglie italiane, dice l’Istat, è diminuito in un anno del 2,7 per cento. Le medie come si sa non rendono giustizia della realtà: alcune famiglie (pochissime) si sono arricchite, altre (poche) hanno mantenuto il livello, altre ancora (la maggioranza) si sono impoverite di molto più del 2,7 per cento. Il 10 per cento delle famiglie detiene in Italia il 50 per cento della ricchezza. Si calcola che gli evasori fiscali sottraggano allo Stato (dunque anche a quelle famiglie che perdono reddito) 50 miliardi di euro. 75 milioni e mezzo, per esempio, li ha evasi di tasse la Cricca che ruota attorno a Guido Bertolaso e a Balducci, ci dice oggi l’inchiesta di Perugia. Le stock options, le rendite finanziarie sono tassate al 12,5 per cento. Chi non dirige le aziende ma ci lavora vede il suo reddito tassato del triplo. Fatti inconfutabili. La propaganda, adesso. In una memorabile “intervista” al Tg1 (esempio di domanda neutra: crede che il partito della patrimoniale proponga la vecchia ricetta che punta sulla scorciatoia della pressione fiscale?) Silvio B. ha annunciato ieri all’Italia che il prodotto interno lordo crescerà in 5 anni del 3/4 per cento. Farà così: cambierà la Costituzione che ci “inchioda a una mentalità statalista” e no, mille volte no, non consentirà “l’esproprio”. Quale esproprio? “La gigantesca imposta sugli immobili” che tassa la casa, il bene di tutti gli italiani. Quale tassa sulla casa? Susanna Camusso propone di tassare i redditi superiori a 800 mila euro. Il dibattito è su una tassa che gravi su chi ha moltissimo, una patrimoniale di solidarietà che riequilibri la posizione di chi evade e chi non lo fa (perché non può, i dipendenti, o non vuole, gli onesti) fra chi campa di profitti azionari e chi di lavoro. Sarebbe questo l’esproprio? Il giornalista del Tg1, strano, non l’ha chiesto.

---

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>