14.11.09

Nuovi quotidiani: Il Clandestino, The Front Page e la crisi della carta stampata

Il Clandestino, derivato cartaceo del Clandestino web, del quale è prevista l'uscita fra una decina di giorni, si autodefinisce senza divisa, ma la sua vetrina di riferimento - sotto riprodotta - è eloquente nello svelarne la tendenza.

opinion.jpg

tg5.png

vr.jpg

logo la destra news

radioradicale.png

Altrettanto senza veli l'origine di The Front Page, ideato da Fabrizio Rondolino e Claudio Velardi. Pare ci scrivano giornalisti "di peso" sotto pseudonimo (un po' come Il barbiere della sera, ma meglio sponsorizzato). Rispetto al primo ha l'innegabile pregio di essere on-line, dunque di non contribuire, bene o male che vada, ad un ulteriore spreco di carta.
Sarebbe rituale augurare ogni bene a nuove testate di comunicazione indipendentemente dalla collocazione politica. Ora, se si tratta di avventure in rete, ben vengano. Ci sono ormai una quantità smisurata di comunicatori, ma non importa. C'è chi vorrebbe impedirlo: guai se accadesse!
Diverso il discorso per giornali di carta. Costano - dunque qualcuno alle spalle deve pur esserci - e sprecano risorse. Ciascuno giura sul proprio successo, è normale, la verità però è che anche le testate storiche tirano sempre meno. I dati di confronto tra giugno 2008 e 2009 sono impietosi:

Con questi chiari di luna non si capisce cosa abbia spinto Sansonetti (gli Altri) Padellaro (il Fatto Quotidiano) e compagnia a tentare la sorte, tanto più che pescano nello stesso piccolo stagno di altri più affermati giornali politici di sinistra.
Il calo delle vendite è un trend mondiale né c'è da sperare in una prossimo riavvicinamento dei giovani alla carta stampata.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>