26.9.05

Medici in prima linea

cast-ERForse vi sarà già venuto il sospetto che i medici non siano quel pozzo di scienza ed abnegazione che tendono a far credere. Piuttosto, fatte le debite eccezioni, sono moderni stregoni un po' spocchiosi e, in qualche caso, eccellenti macellai di fino. Da super-eroi pretendono di essere pagati e tanto più sono "privatizzati" quanto più ci riescono. Comunque, quando non si sa dove sbattere la testa, ci si rivolge a loro. Abbiamo una sola vita e la salute è importante. Se poi non si crede all'oltretomba è anche peggio.
Ora, riuniti a Varese in una giornata di studio, tirano fuori dati abbastanza agghiaccianti sulle loro prestazioni.
"In media, il 6 per cento di chi muore in ospedale, in un anno, muore per colpa dei camici bianchi. Una percentuale assolutamente relativa e calcolata per difetto sulle stime dei ricoveri del 2001. L'Istituto di medicina americano non conforta. Ne muoiono più sotto i ferri che per incidenti stradali. Ecco le cifre sugli anni '90: il 3-4% dei pazienti è coinvolto in errori e di questi più del 50% poteva essere preventivamente evitato. Ogni anno muoiono da 44mila a 98mila pazienti per errori medici o infermieristici. Un numero superiore ai decessi per incidenti stradali (43 mila) o di cancro al seno (42 mila) o di Aids (16 mila). «Gli errori in sanità - si legge nel rapporto - costituiscono l'ottava causa di morte negli Stati Uniti». In Europa non va meglio."
libertà.it

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>