26.7.05

La raccomandata viaggia online

Il servizio, attivo da oggi, nasce dalla collaborazione con Microsoft. La lettera viene poi consegnata al destinatario con mezzi tradizionali
ROMA. La raccomandata viaggia online. Arriva a destinazione con un click da casa o dall’ufficio la nuova raccomandata elettronica, presentata a Roma da Poste italiane. La missiva viene poi consegnata con i mezzi tradizionali. Al servizio che nasce da un’intesa con Microsoft, si accede dal sito di Poste italiane dopo aver scaricato gratuitamente il programma applicativo. Poste Italiane provvederà alla conferma della data e dell’ora di accettazione, alla stampa, all’imbustamento e alla consegna, con i tempi e le modalità della tradizionale posta raccomandata cartacea. La ricevuta della spedizione sarà inviata all’indirizzo di posta elettronica “postemail”, offerto gratuitamente ai clienti. Presto il servizio potrebbe essere esteso a dispositivi mobili quali, per esempio, telefoni cellulari, smartphone e palmari.Il costo dell’operazione è di 3,50 euro fino a 20 grammi, che corrisponde a 3 pagine formato A4. Si può anche optare per l’invio dell’avviso di ricevimento con posta ordinaria (3,90 euro) o prioritaria (4,10 euro). Da 21 a 100 grammi, quindi da 4 a 18 pagine, il prezzo aumenta di un euro. «Grazie al sistema Epm, Electronical postal mark - spiega Marco Comastri, amministratore delegato di Microsoft Italia – i dati sono bloccati e la raccomandata ha valore legale, come quella tradizionale». È anche possibile inviare raccomandate ai titolari di caselle postali. Il testo della raccomandata può essere inserito scrivendo direttamente on line o allegando un file della dimensione massima di tre megabyte. Il pagamento può essere effettuato on line tramite carta di credito o con la card postepay.La ricevuta arriva in posta elettronica nella casella “postemail”. Lo stesso documento può essere inviato a più destinatari con una sola operazione. Il servizio è disponibile tutti i giorni, 24 ore su 24.«L'investimento di Poste in questo progetto - dice Massimo Sarmi, amministratore delegato di Poste italiane - è relativamente modesto». Sarmi ha anche ricordato che il piano strategico 2006-2008, approvato ieri, prevede investimenti per i prossimi tre anni per 750 milioni di euro, in gran parte destinati proprio alle tecnologie e all’Information technology. Per il futuro la nuova frontiera è rappresentata dai telegrammi e da tutti gli altri servizi postali online.
ilsole24ore.com

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>