18.5.09

Ciro's version

Rinaldini spinto giù dal palco a Torino

Ciro Nacarlo è uno dei 316 operai dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco “confinati” nel reparto di Nola, metà dei quali iscritti allo Slai (costola dei Cobas).
Dice a La Stampa: «Arrabbiati sì, violenti no» e prosegue «Siamo venuti a Torino autotassandoci, facendo sacrifici enormi. Io ho cinquant’anni e sono una persona seria, non sono un facinoroso». Secondo Nacarlo, il suo gruppo, circa duecento persone, è stato messo in fondo al corteo e si è impedito in malo modo a un suo rappresentante di parlare al comizio.
Altri hanno toni apocalittici per la dura contestazione al sindacalista, arrivando addirittura ad evocare il terrorismo.
Non è capitato nulla di particolarmente grave in realtà, ma alla stampa di destra non è parso vero poter cavalcare l'episodio. Se sia stata una premeditata "azione squadristica" o più banalmente la manifestazione un po' becera di un giustificato malessere che non riscontra neppure nel sindacato una sponda protettiva, non so. Da sempre fa comodo a tanti mescolare posizioni dialetticamente critiche con frange di facinorosi e questi ultimi non si sa mai bene da chi siano manovrati. Fatto sta che il contestato Rinaldini è uno dei sindacalisti meno malleabili, ma questo non è mai stato sufficiente per sfuggire dalle critiche, né di destra, né di sinistra. Resta il fatto che, con tutti i loro limiti, i sindacati non troppo ricattabili dai padroni - e la CGIL è forse l'unico rimasto - sono l'ultima barriera contro lo sfascio di ogni regola nel mondo del lavoro.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>