12.5.09

Decreto sicurezza. Alegher, alegher, ch'el büs del cü l'è negher

Chi entra in Italia e vi rimane senza permesso commette un reato.
Una tassa per avere la cittadinanza (200 euro) e una per il rilascio del permesso di soggiorno (da 80 a 200 euro).
La legalizzazione delle ronde.
Il prolungamento della permanenza nei Centri di identificazione ed espulsione (fino a 180 giorni.
Il registro per identificare i barboni.
Questo il disegno di legge sulla sicurezza. Un testo blindato, 66 articoli assorbiti in tre maxiemendamenti, su cui il governo oggi pone la questione di fiducia.
Brava gente i leghisti. Parola di Berlusconi. A volte un po' esuberanti come quando chiedono posti riservati agli italiani sui mezzi pubblici, ma obbedienti. Se respingono in mare donne gravide e bambini (pericolose reclute di organizzazioni criminali!) eseguono solo gli ordini del capo. Non se ne arroghi il merito Maroni. Esegue quanto ha deciso Berlusconi.
Esultano i fans del governo (ormai quasi tutti). Ma che razzismo e razzismo! Il popolo è con noi, ci vota perché siamo democratici, onesti e competenti, mica come quei barlafüs [persone sulle quali non si può fare affidamento] di sinistra, sempre indecisi su tutto. Vedi la Concita come s'ràmpiga int'i spegg sll'Unità [vedi la De Gregorio come s'arrampica sugli specchi sull'Unità]: Il rispetto dei diritti.
I lombardi hanno delle certezze. Dunque alegher, ch'el büs del cü l'è negher! (Oddio, da quando quella comunista della Littizzetto fa propaganda allo sbiancamento anale si cerca di mettere in discussione anche questa semplice verità)

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>