4.3.05

Fausto Bertinotti e la proprietà privata

A margine del congresso di Rifondazione Comunista in corso a Venezia dice: "Se uno pensa che debba essere superata la società capitalista, mi pare elementare che deve essere superata anche la proprietà. Certo, non si elimina per decreto, ma nei tempi lunghi della storia, come è stato superato il feudalesimo...". Ed è subito bufera!

In un editoriale non firmato(e dunque attribuibile all'Elefantino)Il Foglio scrive:

Proprietà e libertà

Bertinotti scherza, ma la questione che solleva sarebbe anche seria

John Locke ha spiegato per quale ragione sia preferibile la tutela di principio e di fatto della proprietà privata: è l’unica vera garanzia che nessuno si impadronisca mai di tutto. Questo semplice argomento logico fu poi comprovato dall’andamento della storia. Dalla Russia alla Cambogia, lungo tutto il Novecento, l’abolizione dei diritti proprietari si è identificata con l’abolizione dei diritti. Alcune centinaia di milioni di uomini e donne, persa la miseria di un appezzamento di terreno o di una bottega artigiana o della proprietà del loro lavoro inteso come merce, sono stati privati della mobilità personale, della libertà di pensiero, della libertà di culto, della libertà di associazione, della libertà giuridica, della libertà politica, della libera mobilità personale, molto spesso anche della vita. Era successo proprio quel che scongiurava Locke, lodando l’individualismo possessivo: qualcuno, eliminando come dice Fausto Bertinotti la schiavitù feudale moderna del lavoro salariato e della proprietà privata, si era impossessato del tutto, e il tutto sotto un unico padrone risulta pesante quando gravi sulle spalle degli individui.
Lo scandalo della diseguaglianza gridato da Jean Jacques Rousseau e l’idea messianica elaborata da Karl Marx di un uomo nuovo liberato dal lavoro e dai rapporti sociali capitalistici sono gran pezzi di letteratura romantica e utopistica, ma fu Locke ad azzeccare la diagnosi, nella sua modestia illuminista. Sembrerebbe semplice a capirsi, ma Bertinotti recalcitra al pungolo della realtà, e intreccia davanti ai delegati del congresso di Rifondazione del comunismo, con l’aiuto cristiano e democristiano del professor Arturo Parisi, a nome di Prodi, un dialogo mitico sui domani che cantano e sui secoli a venire, sempre gravidi di beni in comune. Bertinotti è quel che si dice un gran signore, e per decenni ai comunisti di origine liberale come Giorgio Amendola i conservatori usavano la cortesia di dire, come oggi si dice a lui: “Ah, se tutti i comunisti fossero come lei!”. Lo perdoniamo dunque perché le moderne chattering classes hanno bisogno disperatamente di sempre nuove mitologie. Lo perdoniamo perché la storia di questo paese parla di tutele incrociate, di una proprietà indivisa che lascia spazio ai privilegi corporativi con l’assistenza dello Stato, non di libertà e responsabilità fondate sulla proprietà privata. Non faremo l’errore di metterci a fare i liberisti per burla in un paese dove il comunismo e il capitalismo sono da sempre una festa metaforica leggermente risibile. Però l’argomento di Locke sull’identità logica di proprietà e libertà non è male. Vorrà ammetterlo, se non altro per signorilità, il compagno segretario?

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>