14.3.05

Polenta e latte più dannosi dello smog?

Ambiente
Italiani poco informati. Lo rileva una ricerca dell’Ispo

14/03/2005 - Il 52% degli italiani si dice poco o per nulla informato sui temi ambientali, rispetto a un 40% che si dichiara abbastanza o molto informato. Solo il 3% è molto informato. I dati sono contenuti nella ricerca dell’Istituto per gli studi sulla pubblica opinione (Ispo) realizzata per conto del Ministero dell’Ambiente e presentata oggi a Roma. Le maggiori attenzioni degli italiani sono rivolte all’inquinamento atmosferico, al nucleare, alla gestione dei rifiuti. Seguono l’inquinamento acustico, quello di fiumi e laghi, l’elettrosmog, l’abusivismo edilizio.
http://www.mdc.it/news.php?id=6400

Non sempre forse è colpa loro.
Oggi, ad esempio, sui nostri quotidiani si parla di La piccola Greta ad Unabomber: «Quando lo incontro…» in 84 articoli rilevati da Google news e della Mussolini, un indagine anche a Milano. Coinvolte quattro liste con 105 articoli simili

Poi c'è Veronesi che assicura come polenta e latte siano ben più dannosi dello smog!

''Mangiare poco è la prima difesa''
Veronesi: ''Il cibo causa più tumori dello smog''
L'oncologo: ''Il 30% dei casi di cancro è legato all'alimentazione, l'inquinamento non è un fattore rilevante''
http://www.adnkronos.com/Cronaca/2005/Settimana12da14-03a20-03/veronesi_140305.html

Magari qualcuno autorevolmente risponderà, ma per l'oncologo e ex-ministro ci sono subito 15 articoli on line.

Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget
© Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché il testo sia seguito dall'indicazione: “tratto da http://notizieoggi.blogspot.com”. Fotografie, immagini e video presenti su Giornale-notizieoggi sono, quando non autoprodotti, prelevati da Internet, quindi considerati di pubblico dominio. I soggetti o gli autori, qualora lo ritengano, possono comunque richiederne la rimozione.

Questo BLOG non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
 
>>>